Gli studenti a teatro: in scena l’Anfitrione di Plauto

Posted by on 11 Gennaio 2018

L’11 gennaio gli alunni delle classi prime, seconde e terze del liceo scientifico e della II A del liceo scientifico sportivo hanno assistito, presso il teatro “Puccini”di Altopascio, alla messa in scena della commedia plautina “Anfitrione” da parte della compagnia “Teatro Europeo Plautino”, compagnia ufficiale del Plautus Festival di Sarsina (FC), città natale del celebre commediografo latino.

L’esperienza rientra ormai da anni nel progetto “Plauto nelle scuole”, al quale il nostro istituto ha partecipato sempre con entusiasmo, sia per promuovere la cultura classica, sia per far apprezzare ai ragazzi le caratteristiche proprie delle commedie di Plauto, con quel pizzico di divertimento che non guasta mai nel processo di apprendimento.

Questa volta è stato il personaggio di Anfitrione-Giove, con l’aiuto del servo Sosia-Mercurio, a condurre un gruppo di circa duecento ragazzi in un mondo che cuce mito e risate, latinitas e modernità, commedia e tragedia – ossia tragicommedia-, amore e guerra, tradimento e perdono.

Un’altra occasione, fortemente voluta dai docenti del Dipartimento di Lettere del liceo Salutati, per riflettere sull’uso delle maschere nel teatro latino, sul ruolo degli attori e sulle tipologie dei personaggi, ma anche per coinvolgere i propri studenti in un percorso conoscitivo impegnato e serio, sebbene applicato al genere comico.

Docere et delectare rimane pur sempre un buon binomio nel mestiere di chi vuole appassionare allo studio.

                                                                                                                                                                     (Lorena Rocchi)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 599.781 spammer.