Gli alunni del liceo Salutati partecipano al Festival della Salute a Montecatini Terme

Posted by on 17 Ottobre 2016

[nggallery id=19]

Il Festival della Salute è sbarcato per la prima volta a Montecatini nella sua IX edizione, con un intenso programma che ha occupato il periodo compreso tra il 6 ed il 9 ottobre 2016.

Rigore scientifico, divulgazione, spettacolo e attività che coinvolgano direttamente il pubblico sono la formula delle otto edizioni finora svolte ed anche quest'anno il programma ha mantenuto tali caratteristiche con una serie di iniziative rivolte non solo agli addetti ai lavori, ma anche, se non soprattutto, alla scuola e al grande pubblico.

L’intera kermesse ha puntato sul tema della prevenzione, che è stato il filo conduttore di tutti gli incontri: le attività previste dal programma, infatti, hanno riguardato la salute ed il benessere a 360°, ma con un’attenzione particolare a quanto il prevenire comporti un futuro di salute.

Molti degli appuntamenti in agenda hanno avuto come destinatari i bambini e i ragazzi delle scuole, nella certezza che le pratiche salutari ed i corretti stili di vita vadano insegnati sin da piccoli e nella speranza che siano proprio i più giovani a trasmetterli alle famiglie.

Anche in tale direzione il liceo termale “Coluccio Salutati” ha voluto aderire all’iniziativa, impegnando i propri studenti nelle diverse attività previste dal calendario, le quali ben si confacevano al percorso liceale e, nello specifico, al progetto di Alternanza scuola-lavoro, in quanto utili sia a sensibilizzare i ragazzi ai temi trattati, sia ad aiutarli a inserirsi in modo attivo e consapevole nella vita sociale, facendosi promotori della cultura della salute.

I ragazzi hanno partecipato ai momenti di dibattito, agli eventi ludici e formativi, alle performance sportive ed ai laboratori, riflettendo in prima persona e facendo riflettere coloro che hanno avuto modo di incontrare nel corso delle quattro giornate, durante le quali è stata data al pubblico la possibilità di effettuare visite e check-up gratuiti.

La partecipazione degli studenti è stata, in definitiva, di due tipi diversi: gli alunni delle classi terze dell’indirizzo scientifico e dell’indirizzo sportivo – coadiuvati da un tutor esterno, facente parte dell’entourage dell’organizzazione, e da un tutor interno al corpo docente del Salutati – hanno partecipato attivamente come stagisti agli eventi del Festival, mentre gli studenti delle altre classi hanno partecipato come uditori alle varie conferenze e ad altri appuntamenti in programma.

I ragazzi delle classi III A e III C del liceo scientifico si sono dedicati sia a mansioni di accreditamento, di ufficio stampa, di logistica e di diffusione di informazioni presso un punto apposito, sia ad attività di supporto alla Misericordia sulle ambulanze (con dimostrazioni di massaggio cardiaco ed altre pratiche) e alla polizia di Stato presso il “pullman azzurro”, fornendo indicazioni valide a tutela della salute e della sicurezza per tutte le età, a partire dall’adolescenza. In particolare l’attività di servizio stampa ha permesso loro di effettuare interviste sia al pubblico affluito all’evento, sia agli esperti intervenuti, per poi relazionare con articoli ed elaborati personali che sono sati oggetto di valutazione in classe da parte dei loro docenti.

Gli studenti della classe III A del liceo scientifico sportivo si sono occupati, invece, di mansioni maggiormente legate al loro indirizzo, lavorando con professionalità e responsabilità.

Tra gli stage a cui hanno preso parte attiva vi sono stati:

– “Pinocchio Bike School”, che prevedeva sfide a tempo su brevi percorsi, per sensibilizzare i bambini all’uso della bicicletta, in collaborazione con la Federazione Ciclistica Italiana, ma anche percorsi formativi sul tema della sicurezza (uso del casco, rispetto delle regole del codice della strada, gestione delle situazioni di pericolo) tenuti dalla Polizia di Stato e dai Vigili del Fuoco.

– Percorsi & Giochi Motori in “situazione di handicap”, con affiancamento del personale del CIP Comitato Italiano Paralimpico – Toscana, con percorsi e giochi motori adattati – con lo scopo di far comprendere agli studenti le difficoltà che i loro compagni con disabilità possono provare tutti i giorni nella scuola e nella vita.

– “La catena del soccorso: ambulanza aperta/ambulanza ed auto medica/scenario trauma e trauma pediatrico”, in affiancamento al personale di ANPAS e Misericordia nella realizzazione dei laboratori sul tema della catena del soccorso.

– “La salute fa canestro”, in cui, con un approccio ludico-motorio, istruttori federali e campioni dello sport hanno guidato i bambini in prove di basket su campi all’aperto, appositamente allestiti nell’area antistante le Terme Tettuccio.

– “Correre, saltare e lanciare per la salute”, con affiancamento al personale della FIDAL e di alcune società atletica locali nel coinvolgere i bambini in prove sportive e giochi motori declinati sulle varie discipline (corsa, salto, lancio, etc.) all’interno del Parco termale, nel quale si trova un circuito permanente.

– “La salute fa meta”, in affiancamento al personale della ASD Rugby, in cui i bambini sono stati guidati in un primo approccio alla disciplina del rugby da parte di istruttori di società sportive locali.

Per gli studenti di entrambi gli indirizzi non si è trattato solo di un’attività di tipo lavorativo, ma di un’esperienza formativa che ha spaziato dalla riflessione sugli stili di vita e sul benessere fino alla conoscenza di patologie e di pratiche per prevenire e curare.

Encomiabile l’impegno profuso da parte dei docenti coinvolti nel tutoraggio agli studenti – i professori Baldacci, Barone, Bechelli, Bruni, Capecchi, Cittera, Franchi, Innocenti, Moscani, Ponziani, Romano, Triolo, Vannelli – così come la disponibilità dei docenti accompagnatori.

Alcuni insegnanti hanno riferito di aver ricevuto dai propri studenti l’entusiasmo per seguirli e tutti i docenti sono stati concordi nell’affermare che questa attività di Alternanza scuola-lavoro è stata segnata da un significativo rapporto tra scuola e territorio, valore aggiunto all’intera esperienza.

I tutor, inoltre, anche sulla base dei molti complimenti elargiti ai nostri studenti da parte dei responsabili e dagli organizzatori, si sono dichiarati enormemente soddisfatti laddove i ragazzi, pur non essendo facile prevedere per tempo la mole di lavoro che avrebbero dovuto affrontare, non si sono sottratti mai ad alcun incarico, ma piuttosto hanno compreso l’importanza dell’esperienza stessa, agendo con serietà e rispetto delle regole nel relazionarsi con gli adulti e con le scolaresche.

Dei nostri liceali sono state lodate la puntualità, la disponibilità ed accoglienza, la buona volontà nell’interagire con il pubblico e con gli operatori e, infine, la pazienza e la preparazione. Ciò rende loro onore, se si considera il fatto che per molti di loro si trattava della prima esperienza attiva e pratica e, per di più, in un contesto così importante e vissuto da migliaia di persone.

Al termine di questa esperienza e alla luce di tanti commenti positivi, è decisamente ipotizzabile una continuità di impegno del liceo “Salutati” per le prossime edizioni, dato che Montecatini ospiterà la manifestazione per almeno tre anni a venire, cosa che rende orgogliosi noi tanto quanto l’intera cittadina termale, che tanto ha investito nella salute durante la propria storia, come ci insegna il motto stesso “Salus per aquam”.

 

                                                                                                          (Lorena Rocchi)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 603.501 spammer.